Indirizzo: Piazza Italia 2 17017 Millesimo (SV)     Telefono: +39.019.56.40.07     Fax: +39.019.56.43.68     Email: protocollo@pec.comune.millesimo.sv.it     P.IVA: 00342680097

Avviso pubblico per la richiesta di buoni spesa ai sensi dell’Ordinanza del Capo della Protezione Civile n. 658 del 29 marzo 2020

News    0 Commenti     4/04/2020

Da lunedì 6 aprile 2020 i cittadini che si trovano in difficoltà economica causata dalle misure legate all’emergenza Coronavirus, potranno fare richiesta dei buoni spesa, previsti dall’Ordinanza n. 658 del 29 marzo 2020 del Capo del Dipartimento della Protezione Civile Nazionale.
Il cittadino dovrà compilare e sottoscrivere l’autocertificazione allegando copia del documento di riconoscimento e consegnarla nelle seguenti modalità: a mezzo email all’indirizzo protocollo@comune.millesimo.sv.it o tramite PEC a protocollo@pec.comune.millesimo.sv.it.
Coloro che sono impossibilitati all’inoltro dell’istanza in via telematica possono telefonare al numero 019/565841 oppure 379/1522317 recapito dei Servizi Sociali del Comune di Millesimo.
L’assegnazione avverrà previa istruttoria dei Servizi Sociali e fino all’esaurimento dei fondi disponibili e secondo i criteri stabiliti dalla Giunta Comunale di Millesimo del 04 aprile 2020.

L’autocertificazione potrà essere scaricata dalla citata pagina Facebook, dal sito istituzionale del Comune di Millesimo www.comunemillesimo.gov.it  oppure richiesta ai Servizi Sociali previo appuntamento telefonico (019/565841 o 379/1522317).
Per rendere più agevole l’acquisizione dell’autocertificazione da parte dei cittadini da lunedì 6 aprile 2020 verranno consegnate copie anche ai negozi convenzionati di cui in elenco allegato.

Inoltre si comunica che il fondo concesso al Comune per l’erogazione dei buoni spesa potrà essere integrato attraverso donazioni da privati e aziende sul conto corrente Banco Azzoaglio Agenzia di Millesimo – Intestatario Comune di Millesimo IBAN IT70E0342549440000100815892         Causale: Donazioni per fondo solidarietà alimentare emergenza covid-19

Torna all'inizio dei contenuti